Assegni Familiari, importi e come richiederli

Be Sociable, Share!

 

Gli assegni familiari sono un contributo, seppur minimo ma sempre utile, che il datore di lavoro versa mensilmente in busta paga per conto dell’INPS. L’importo viene versato direttamente dall’INPS  nel caso di lavoro domestico o di ditte fallite. L’importo varia secondo il reddito complessivo familiare e secondo il numero di figli abili e non abili. Ne hanno diritto solo i lavoratori dipendenti, anche part time, i pensionati da lavoro dipendente e i soci di cooperative.

Per usufruire degli assegni familiari esiste una condizione essenziale oltre a quelle già indicate, almeno il 70% del reddito complessivo familiare deve provenire da lavoro dipendente. Quindi se il tuo reddito da fonti diverse (affitti o altro) supera il 30% del totale non potrai richiedere gli assegni familiari.

I mesi per percepire gli assegni familiari vanno dal primo luglio dell’anno in corso fino al 30 giugno dell’anno successivo (per capirci l’anno solare per gli assegni familiari inizia a luglio). L’anno considerato ai fini di reddito da considerare è il precedente. Se per esempio consideri l’anno 2012 dovrai considerare e presentare il reddito del 2011.

Per calcolare l’importo degli assegni familiari secondo reddito l’INPS mette a disposizione una comoda tabella in formato Excel che potrai trovare e scaricare accedendo al sito INPS, in alto a sinistra della pagina clicca su “Circolari”, scegli la voce “tutte le circolari”, inserisci la voce Circolare n° 79 del 2012 (per l’anno in corso ad esempio) e scarica il documento. Aprilo, inserisci vedi l’importo del tuo reddito e saprai a quanto ammontano secondo il numero dei familiari che compongono il nucleo.

Quali i componenti familiari che danno diritto agli assegni?

Da INPS:

il coniuge, anche se legalmente separato purché sia a carico, solo se il richiedente è titolare di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi;
i figli o equiparati anche se non conviventi:
di età inferiore a 18 anni;
apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni);
universitari (fino a 26 anni e nel limite del corso legale di laurea);
inabili al lavoro (senza limiti di età);
i fratelli, le sorelle e i nipoti, conviventi:
di età inferiore a 18 anni;
apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni);
universitari (fino a 26 anni e nel limite del corso legale di laurea);
inabili al lavoro (senza limiti di età);
gli ascendenti (genitori, nonni, ecc..) ed equiparati, solo se il richiedente è piccolo coltivatore diretto.
i familiari di cittadini stranieri residenti in Paesi con i quali esista una convenzione internazionale in materia di trattamenti di famiglia.

Per richiedere gli assegni familiari puoi scaricare i MODULI dal sito INPS. Stampa il modulo e consegnalo al datore di lavoro.

Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata il 28 novembre 2012, in PREVIDENZA. Aggiungi il permalink ai segnalibri.