Crea sito

COSA FARAI DA GRANDE? Orientati nell’Università con Editest

by willyna on gennaio 8th, 2014

filed under CORSI, FAMIGLIA, ISTRUZIONE - SCIENZE, SITI WEB INTERESSANTI, UTILITA', UTILITA'

UNIVERSITA

Come orientarsi nel lungo viaggio che aspetta i nostri ragazzi o noi stessi all’Università, come decidere cosa farai da grande, cosa vorresti diventare! Adesso puoi già cominciare a conoscere meglio te stesso, le tue attitudini o i tuoi sogni. Se ancora non hai fatto una scelta, sei indeciso fra più strade, se  vuoi essere informato sulle opportunità che il mercato del lavoro offre o sulla offerta formativa scegli di farti aiutare da Editest che ha creato una community dedicata proprio a questo.  Test della personalità, test attitudinali, simulazioni collettive e molti altri strumenti! Più di 170.000 ragazzi lo hanno già fatto con soddisfazione. Prova anche tu!

Arriva il nuovo Overblog, blog e social network con un click

by willyna on luglio 5th, 2012

filed under GUADAGNARE A ZERO SPESE, GUADAGNARE CON INTERNET, SITI WEB INTERESSANTI

 

Ai primi di giugno si è svolto un evento di importanza mondiale nella comunicazione, un evento determinante nell'evoluzione del mondo di Internet, il "BlogWorld & New Media Expo". Oltre 50 Paesi sono stati rappresentati, scambio di esperienze e tecnologie, novità e contenuti dai blogger di tutto il mondo, dai blogger professionali, giornalisti, ai blogger che scrivono solo per passione.

Tra le tante figure professionali sicuramente importante per il Vecchio Continente, la nostra vecchia Europa, emerge la presenza di Overblog, piattaforma francese di nascita, presente nel web da quasi un decennio e ormai diffusa anche negli Stati Uniti. Solo alcuni dati per capire meglio l'importanza e l'evoluzione di OverBlog:

– 45.000 blog in Italia e quasi 3 milioni nel mondo;

–  35 milioni di visitatori unici.

Cifre da capogiro. Ma non basta, oggi Overblog si evolve ancora, cresce e diventerà un'alternativa importante a WordPress e Facebook. Scopo primario del progetto superare la frammentazione dei contenuti sul web (piattaforme blog, facebook e twitter più altri contenuti sparsi in piccoli social) snellendo la procedura di condivisione che sarà fatta direttamente dalla fonte con un click. Non più semplice condivisione dopo avere scritto l'articolo ma addirittura in fase di scrittura, integrazione totale con i social utilizzando il Social Hub, un'applicazione aggregatrice di notizie già piuttosto diffusa nel web a partire dal Gruppo Google.

Adesso ancora in versione Beta la versione 1 verrà rilasciata a fine settembre con varie funzioni fra cui possibilità di revenue share per guadagnare con il blog in base alle visite, possibilità di un centinaio di layout accattivanti, rilevamento statistiche chiaro e dettagliato e una funzione strabiliante, un'applicazione mobile per condividere in diretta dal tuo cellulare o dal tablet. Interessante anche la funzione multiutente e un'intefaccia intuitiva che renderà semplice l'utilizzo anche ai blogger meno esperti.

Vuoi maggiori dettagli? Vai sul sito ufficiale Sito OverBlog Italia e inizia la tua avventura! Se vorrai esprimere la tua opinione torna nel mio blog e commenta questo post. 

  

Articolo sponsorizzato

Safer Internet Day, bambini e adolescenti, capire per proteggerli o controllarli

by willyna on maggio 23rd, 2012

filed under FAMIGLIA, INTERNET, SICUREZZA, SITI WEB INTERESSANTI, UTILITA'

I pericoli della Rete vengono spesso sottovalutati o quanto meno considerati problema poco urgente. Niente di più sbagliato. I pericoli sono talmente evidenti e purtroppo talmente gravi da spingere a dedicare una giornata mondiale, il Safer Internet Day che quest’anno è avvenuto nei primi giorni di febbraio, ed è stato creato un portale dedicato con sezioni dedicate ai bambini, ai ragazzi, ai genitori e persino agli insegnanti. Comincia a farti una idea visitando il portale SAFER INTERNET ITALIA  e comincia a frequentarlo assiduamente, lo troverai utile e interessante, ti servirà a dare il giusto peso al fenomeno e ti aiuterà a proteggere i tuoi figli. Partendo dal portale troverai link utili fra cui segnalo www.sicuriinrete.it, curato dal Centro Italiano per la Sicurezza in Rete suddiviso in sezioni dedicate ad adulti e ragazzi, consigli pratici per i ragazzi soprattutto adolescenti con chiari riferimenti al cosa può accadere anche postando una semplice foto, le insidie che si nascondono dietro uno schermo, le false identità che si possono incontrare e il pericolo più grande cioè quello della “Rete è per sempre”, tutto ciò che viene pubblicato non sparirà più, impossibile pentirsi e tornare indietro. Spiega il perché, la ricerca non cancella, qualcuno potrebbe avere già scaricato foto o video anche se pubblicati per un solo istante etc.

La sezione dedicata ai genitori aiuta a conoscere meglio i rischi che i figli potrebbero correre e forse li aiuta a conoscerli meglio. Controllare un adolescente non è certo facile come per bimbi più piccoli e capire o immaginare cosa stiano facendo online o cosa in genere fanno è sicuramente utile e necessario. Conosciamo i nostri figli? Certo, è la risposta più comune, ma è davvero così? Quando eri adolescente raccontavi davvero tutto ai tuoi genitori? Non credo.

Per i bimbi è forse più semplice, impostare i filtri (per windows Xp, Vista e Windows 7  si chiama Live Family Safety o Controllo Genitori) impostandolo su “rigido” ma tenendo anche conto che è facilmente aggirabile inserendo nella ricerca parole simili e che i vari siti porno o pedofili si sono aggiornati e sono diventati più furbi. Ecco l’indirizzo di un sito con ottimi suggerimenti e in particolare consiglia dei siti adatti per fascia di età (dai 6 agli 11 anni, dai 12 ai 17 e per la famiglia), IL FILTRO.IT. Tenendo conto che a 12 anni sono già dei “volponi” e spesso conoscono meglio di noi come aggirare gli ostacoli e infrangere le regole, il sapore del proibito ha sempre affascianato tutti. Quindi vigilare, controllare, parlare, conversare, farli aprire, chiedere chiarimenti è vitale per la loro sicurezza e per la nostra tranquillità e serenità. Ovviamente l’esempio è basilare ma pèurtroppo spesso non basta.