TIBET RACCOLTA FIRME: solidarietà ai prigionieri politici, ecco i moduli

Be Sociable, Share!

Quattro moduli per raccogliere firme per una petizione che aiuti alla liberazione di quattro prigionieri politici.

La locandina in foto riguarda la manifestazione di aprile a Milano ma in questo post pubblico i 4 moduli da compilare con nome e cognome tuoi e di tutti i tuoi amici e conoscenti, da inviare poi all’Associazione Italia Tibet che provvederà ad inoltrarli. Hai tempo fino e tassativamente entro fine giugno. Puoi inviare tramite email al sito oppure all’indirizzo:

Associazione Italia-Tibet
Via Pinturicchio 25
20133 Milano
Petizione per la liberazione di :
– XI Panchen Lama: nato il 25 aprile 1989 e rapito nel 1995, all’età di 6 anni, dopo il suo riconoscimento da parte del Dalai Lama come reincarnazione del X Panchen Lama, fu all’epoca definito da Amnesty International “il più giovane prigioniero politico del mondo”. Non si hanno più sue notizie. Il 25 aprile compirà 23 anni.
– Tenzin Delek Rinpoche: condannato all’ergastolo il 7 aprile 2002 con l’accusa di aver compiuto attività separatiste, ha sempre protestato la sua innocenza. E’ in carcere da 10 anni.
– Dhondup Wanchen: regista tibetano arrestato nel 2008 per aver girato un filmato in cui intervista i suoi connazionali sulla situazione del Tibet occupato. E’ in carcere da 6 anni.
– Jigme Guri: assistente del regista Dhondup Wanchen, arrestato e torturato nel 2008, è stato nuovamente arrestato nel gennaio 2011 per aver denunciato in un video le torture che gli erano state inflitte. E’ accusato di attività separatiste.
Puoi scaricare i moduli, inizia con i tuoi dati (nome, cognome e indirizzo) e la tua firma, fai girare magari sui socialnetwork e dai un contributo importante per il rispetto dei diritti civili e fondamentali di quattro anime colpevoli solo di essere tibetani, di rifiutare l’occupazione militare cinese, di chiedere per il popolo tibetano il diritto all’autodeterminazione e il rispetto dei fondamentali diritti civili, di chiedere e divulgare la verità.
Tenuto conto che una delle ultime notizie di circa metà maggio di quest’anno è che è reiniziata la campagna (una delle tante) di rieducazione patriottica in tibet da parte delle autorità cinesi.
Cito testualmente queste due righe dal comunicato ufficiale che riassumono i metodi:
“Gruppi di lavoro stazionano permanentemente nei monasteri, i normali corsi di religione sono aboliti e sostituiti con sessioni di educazione legale condotte dai gruppi di lavoro governativi”
Per tua curiosità o se vuoi conoscere meglio il Dalai Lama, la sua storia e quella del Tibet puoi anche visitare il mio blog www.leggerelibri.altervista.org alla categoria DALAI LAMA – TIBET
Be Sociable, Share!